I ponti di Madison County – Film 1995

“Alla famiglia ho dato la mia vita, Robet Kincaid avrà ciò che resta di me”. Il film inizia con un funerale, il funerale di una madre e delle sue ultime volontà, giudicate dai figli come le bizzarrie di una anziana donna eccentrica. Un vecchio diario li aiuterà a cambiare idea, capire meglio la madre e a volersi migliorare come persone.Recensione di Vitaromantica

Romantico. Lo vedo e rivedo per arrivare al mio pezzo preferito quando Francesca-Meryl Streep in macchina con il marito vede il furgoncino di Robert-Clint. Entrambe le macchine si fermano una dietro l’altra ad un semaforo rosso.

i ponti di madison county

Il furgoncino rappresenta un futuro, pieno di avventura, di passione, di amore travolgente. La macchina dove viaggia Francesca-Meryl è il suo presente, fatto “di tante piccole cose”, come dice lei. Di una famiglia, di due figli adolescenti e di un marito che la ama, di un amore tranquillo, senza sorprese.

Francesca-Meryl agguanta la maniglia della portiera dell’auto del marito. Uscirà? Se ne scapperà con Robert-Clint e un futuro tutto da scoprire? Il marito di Francesca-Meryl suona il clacson. Francesca-Meryl indugia, pensa, soffre e alla fine resta.

Ho sentito uomini che mi hanno confessato che davanti al televisore (non al cinema, ovvio) guardando quella scena urlavano “Scappa!”, e poi “Che aspetti!”, “Forza”, neanche fossero davanti ad un calciatore che dovesse calciare un rigore alla finale dei mondiali di calcio, per poi mangiarsi le mani alla decisione di Francesca-Meryl di rimanere. E noi cosa avremmo fatto? 4 giorni bastano per una vita intera?

Da 1 a 10?
9 … se fossero fuggiti insieme?

Da youtube la scena più bella

Vedilo Nomina il tuo link

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
I ponti di Madison County - Film 1995, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Ti piace questo post? Condividilo con i tuoi amici:

Commenta anche tu