Posts Tagged With 'Amore'

L’immenso – Negramaro

Gen 09, 2013 by Vitaromantica Category: in Musicoteca Romantica
L'immenso - Negramaro

 

Titolo della Canzone: L’immenso
Cantante: Negramaro
Autore: Giuliano Sangiorgi
Anno: 2007
Album: La Finestra

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.0/10 (1 vote cast)

L’amore è come la febbre – Stendhal

Set 13, 2012 by Vitaromantica Category: in >>> Bonsai, Poesioteca
L'amore è come la febbre - Stendhal

L’amore è come la febbre.

Nasce e si spegne senza che la volontà ne abbia la minima parte.

Stendhal

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Amore e Vittoria per Virgilio

Ago 28, 2012 by Vitaromantica Category: in >>> Bonsai, Poesioteca
Amore e Vittoria per Virgilio

L’amore vince ogni cosa: anche noi cediamo all’amore.

Virgilio

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Aforisma di Byron sull’amore

Ago 18, 2012 by Vitaromantica Category: in >>> Bonsai, Poesioteca

L’amore è l’elemento in cui viviamo. Senza di esso vegetiamo appena.

Lord Byron

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Amore guarda non con gli occhi – William Shakespeare

Lug 18, 2012 by Vitaromantica Category: in >>> Bonsai, Poesioteca
Amore guarda non con gli occhi - William Shakespeare

Amore guarda non con gli occhi ma con l´anima

e perciò l’alato Cupido viene dipinto cieco.

William Shakespeare

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Li fu-yen

Lug 18, 2012 by Vitaromantica Category: in >>> Poesie, Poesioteca
Li fu-yen

Quel suono di veste di seta non l’odo più;

Sul pavimento di marmo la polvere cresce.

La camera vuota è fredda e silenziosa;

Foglie cadute si ammucchiano contro le porte.

Sospiro sempre per quella bellissima Dama –

Come farò a riposare il mio cuore dolente?

Wu-Ti (464-549 d.C.)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Stavo per dirti addio – Paolo Silenziario

Lug 16, 2012 by Vitaromantica Category: in >>> Poesie, Poesioteca
Stavo per dirti addio - Paolo Silenziario

Stavo per dirti <<Addio!>>; ma subito

ho frenato la mia voce: e sono ancora qui.

Separarmi da te mi fa paura: è spaventoso,

come l’amara notte di Acheronte.

Splendore del mattino è il tuo; ma è muto

il giorno: tu invece mi porti in dono la tua voce,

anche più dolce di un canto di sirena. In lei è sospesa

ogni speranza del mio cuore.

Paolo Silenziario (VI sec)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Sei la mia schiavitù – Nazim Hikmet

Lug 16, 2012 by Vitaromantica Category: in >>> Poesie, Poesioteca
Sei la mia schiavitù - Nazim Hikmet

Sei la mia schiavitù
sei la mia libertà
sei la carne che brucia
come la nuda carne delle notti d’estate

Sei la mia patria
tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi
tu, alta e vittoriosa

Sei la mia nostalgia
di saperti inaccessibile
nel momento stesso
in cui ti afferro

Nazim Hikmet (1902-1963) 

Nazim Hikmet – Poesie e scritti

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

John Donne e l’amore

Lug 12, 2012 by Vitaromantica Category: in >>> Bonsai, Poesioteca
John Donne e l'amore

In verità mi chiedo, che abbiamo fatto tu e io prima di amarci?

John Donne (1572-1631)

John Donne – Scritti

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Piano amore mio – John Keats

Lug 11, 2012 by Vitaromantica Category: in >>> Poesie, Poesioteca
Piano amore mio - John Keats

Piano amore mio, piano Isabella, non far rumore,
Dorme la casa tutta, ma si può svegliare
Chi è vecchio, geloso, e teme per l’onore:
Anche se le orecchie gli hai tappato, per farlo addormentare,
Anche se i tuoi piedi son lievi piume
Come quelli d’una fata che danza sulle spume
Dove s’incontrano l’uno e l’altro torrente,
Piano amore mio, piano Isabella, non far rumore,
Sente tutto il geloso, anche meno di niente.

Scorre lento il fiume, nessuna foglia trema,
Tutto è quiete, e l’occhio sonnolento della notte,
Affascinato dal ronzio vibrante dell’effimera,
Si chiude, scordando gli affanni tutti del Lete.
Per pudore, o compiacenza, s’è ritirata
La luna nelle sue stanze: sa bene
Che non voglio luce nel buio, ma un’oscurità indisturbata.
Sa che voglio vedere solo gli occhi di Isabella,
Le sue labbra polpose di gemma.

Alza il catenaccio, piano, non far rumore,
Siamo morti al più piccolo stridore.
Bene. E adesso le tue labbra, un letto di fiori.
Può dormire il vecchio, i pianeti possono affogare:
La rosa chiusa sognerà i nostri amori
Destandosi al mattino caldo che la farà sbocciare.
E coverà tubando la colomba la sua dolce prole,
Mentr’io quell’armonia bacerò che tutto mi fa tremare.

John Keats (1795-1821)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)