Spartacus – Film 1960

  • Categoria dell'articolo:Vintage Movies
  • Tempo di lettura:8 minuti di lettura

Spartacus, nel film, Spartaco, uno schiavo della Tracia, da sempre vissuto in catene, si ribella ai suoi padroni, riunisce a sé 10mila schiavi fuggischi con l’obiettivo di lasciare l’Italia e tornarsene a casa. Quando l’obiettivo è vicino, il tradimento di chi doveva portarli in salvo, li condanna ad affrontare una battaglia suicida.

Oltre a essere eroe politico, Spartaco è anche eroe romantico, uno che sussurra alla sua Varinia: “Voglio sapere tutto di te. Ogni linea. Ogni curva. Voglio conoscere ogni parte di te. Ogni battito del tuo cuore.”

Recensione

Sarà perché recentemente ho visto il film sulla biografia di Trumbo, sarà perché Spartacus è un film che o vito un migliaio di volte, sarà che l’ho rivisto adesso con i miei figli che non lo avevano mai visto e non conoscvano la storia e mi hanno detto:

Mamma, è più bello questo di Harry Potter!

Senza nulla togliere al cast e alla storia di Harry Potter, adoro Spartaco, adoro i dialoghi e i diversi livelli di significato che hanno, adoro il fatto che una vicenda, contemporanea, come quella del maccartismo, sia stata inserita in un filmone in costume da antichi romani. Adoro il cast. Adoro Charles Laughton e Lawrence Olivier, Peter Ustinov e Kirk Douglas.

Adoro il coraggio fuori dai riflettori di Kirk Douglas che riuscì a restituire nome e dignità a tanti professionisti di Hollywood, lasciati senza lavoro a causa della caccia che andava tanto di moda in quel periodo. Del resto, l’America è pur sempre figlia di puritani.

Adoro l’antefatto. Kirk Douglas rosicone per non essere stato scelto per Ben Hur (1959) si vendica mettendo su una produzione che verrà ricordata per sempre. E’ la prima meraviglia a colori di Stanley Kubrick che dirige Kirk Douglas per la seconda volta. La prima fu in Orizzonti di Gloria (1957 – altro capolavoro). Non esistono computer grafica o effetti speciali. Le scene di massa furono filmate utilizzando persone, vere, 8000.

La sceneggiatura è stata scritta da Dalton Trumbo (voluto fortemente da Kirk), premio Oscar per il miglior soggetto per Vacanze Romane e La più Grande Corrida.

Il film offre tante chiavi di lettura. C’è la rivolta sociale contro un potere ingiusto e opprimente. Ci sono gli ideali di libertà e giustizia, le trame politiche. C’è la celebrazione dell’amicizia e dell’amore a prima vista. E poi ci sono tantissime insinuazioni di libera interpretazione.

Prima di lasciarvi ecco lo scambio di battute fra Cassio e Antonino su ostriche e lumache.

Do you steal, Antoninus?

No, master.

Do you lie?

Not if I can avoid it.

Have you ever dishonoured the gods?

No, master.

Do you refrain from these vices out of respect for the moral virtues?

Yes, master.

Do you eat oysters?

When I have them, master.

Do you eat snails?

No, master.

Do you consider the eating of oysters to be moral… and the eating of snails to be immoral?

No, master.

Of course not. It is all a matter of taste, isn’t it?

Yes, master.

And taste is not the same as appetite… and therefore not a question of morals, is it?

It could be argued so, master.

That will do. My robe, Antoninus. My taste includes…both snails and oysters.

Da 1 a 10?

10

Guarda il trailer in lingua originale

Compra il DVD

Ascolta la colonna sonora

Leggi in lingua originale il libro dal quale è stato tratto il film https://www.amazon.com/Spartacus-North-Castle-Books-Howard/dp/156324599X/ref

Leggi il libro sul film scritto da chi lo ha fatto

Sorseggia la tua bevanda calda preferita mentre leggi o vedi il film

Qual è il tuo prossimo film da vedere? Sceglilo fra la selezione dei nostri vintage.

Leggi lo script.

Lascia un commento