Moglie a Sorpresa – Film 1992

  • Categoria dell'articolo:Commedie
  • Tempo di lettura:4 minuti di lettura

Un architetto perde la sua fidanzata storica e si ritrova la casa dei suoi sogni invasa da una moglie a sorpresa che gli sconvolge la vita.

Steve Martin, Goldie Hawn, Dana Delany, Julie Harris, Donald Moffat

Recensione

La sceneggiatura di Moglie a Sorpresa segue le regole del viaggio dell’eroe in 3 atti.

Primo atto (1, 2, 4, 5, 3)

  1. Mondo ordinario: un architetto di mezza età costruisce la casa dei suoi sogni per donarla alla sua fidanzata
  2. Chiama per l’avventura: la fidanzata rifuta casa e proposta di matrimonio
  3. Rifiuto della chiamata: l’architetto rifiuta di avere una estranea per casa, ma poi ne apprezza i vantaggi
  4. Incontro con il mentore: una cameriera ungherese, che ungherese non è
  5. Attraversando la prima soglia: la cameriera si trasferisce in casa sua e si finge sua moglie

Secondo atto

  1. Prove, Alleati e nemici: il mondo che era ostile all’architetto diventa suo alleato. Anche la ex fidanzata inizia a trovarlo interessante
  2. Avvicinamento alla caverna più profonda: la cameriera ungherese gli fa una scenata di gelosia
  3. Il calvario: la cameriera ungherese scappa via
  4. Ricompensa: la ex fidanzata gli si ripropone e ottiene la promozione (che erano le cose che voleva sin dall’inizio)

Terzo atto

  1. La resurrezione: l’architetto insegue la cameriera ungherese
  2. La strada del ritorno: l’architetto cerca di conquistarla utilizzando la stessa tecnica della cameriera (storytelling)
  3. Ritorno con l’elisir: la cameriera si presenta a lui con un altro nome

Costato 26 milioni di dollari, ne incassa poco meno di 95.

Da 1 a 10?

6

Guarda il trailer in lingua originale

Vedilo ora

Compra il DVD

Se vuoi vedere tutti i film dei quali abbiamo analizzato le sceneggiature, leggile qui.

Leggi il libro dell’eroe

Ti piace questo post? Metti un mi piace sulla nostra pagina Facebook.

Leggi lo script.

Lascia un commento