Voglio Essere Tua – Film 1951

Una brava ragazza vorrebbe gridare “Voglio Essere Tua” al bel dottore di cui è innamorata, la moglie del bel dottore vorrebbe gridarlo al cugino della brava ragazza e alla fine nessuno lo grida a nessuno.

Siamo a New Orleans nel 1890. Una brava ragazza che vive con zia e cugino si vede incastrata in un matrimonio di interesse che di fatto non vuole. Temporeggia. Quando il suo vero amore, un bel dottore, torna a vivere in città, la brava ragazza spera di poter riprendere la loro relazione, ma lui per dimenticarla si è spposato.

La brava ragazza capisce che non ha armi e decide di procurarsene. Accetta l’eredità della nonna, una donna molto chicchierata e con i soldi inizia a credere di poter ottenere quello che vuole, amore del bel dottore incluso.

Paga il cugino per sedurre la moglie del bel dottore e il cugino quasi ci riesce sinché moglie e cugino non vengono alle mani e il cugino causa la morte della moglie del dottore. La brava ragazza assiste a tutto.

Arriva il dottore.

Il dottore credendo la brava (ora non più) ragazza colpevole la copre e non rivela alla polizia che non era solo quando ha trovato il corpo della vita della moglie. Il dottore viene incriminato e solo un atto di coraggio della brava ragazza riuscirà a chiarire la dinamica della tragica morte della donna e scagionare il bel dottore da una condanna certa.

Recensione

Il titolo in italiano è orrendo. Quello originale, My Forbidden Past, lo stesso del romanzo dal quale è tratto, rende maggiormente giustizia alla trama, che però è abbastanza prevedibile: una brava ragazza accetta l’eredità di una nonna dalla dubbia reputazione e diventa cattiva pur di coronare il suo sogno d’amore.

La morale è altrettanto prevedibile: i soldi non fanno la felicità e ci vuole craggio per dire la verità.

Il finale, precipitoso, quando il film stava diventando interessante mi ha lasciato molto delusa. Assaporavo un finale in stile courtroom in piena New Orleans fine ‘800 e invece niente.

Se avessero idotto le scene di ballo, le chicchiere inutili con la zia, si sarebbero recuperati quei 12 minuti per riequilibrare il film, aggiungere la parte di indagine in tribunale, magari resuscitando come procuratore generale o difensore il pretendente delle brava ragazza a dare più struttura e pathos a un film che pensa di averne, ma che purtroppo non ha.

Belli i costumi.

Da 1 a 10?

6 meno

Guarda il trailer in lingua originale

Compra il DVD

Leggi il libro dal quale è stato tratto il film

Vestiti come la protagonista al ballo

Leggi lo script.

Ti piacciono le nostre Bad Girls?

Lascia un commento